- Parrocchia Santi Angeli Custodi - Formica

Vai ai contenuti

Menu principale:

Storia > Oratorio della Beata Vergine di Loreto
 

Tutte le informazioni storiche relative all'Oratorio del Garofalo sono tratte dal libro "Oratorio del Garofalo: dalle origini ad oggi" scritto da Don Ivo Marchi

 
 

LE ORIGINI DELL'ORATORIO DEL GAROFALO


Non sono riuscito a trovare documenti storici che provino le origini dell'Oratorio del Garofalo. Anche la tradizione orale non riporta alcuna notizia al riguardo. Dalle persone anziane, però, si racconta ancora una leggenda che si ricollega evidentemente alla leggenda del Monte dell'Oro. [...]

Un tale di nome Aurelio o, secondo alcuni, della famiglia degli Aureli, recatosi sul Monte dell'Oro, trovò un favoloso tesoro di monete d'oro.

Di notte, perchè nessuno lo vedesse, questo tale andò con un carro trainato da due buoi per prelevare il tesoro. Giunto sul luogo caricò tutto l'oro sul carro, ma quando stava per ritornare a casa, all'improvviso, vie una grande fiammata, come una folgore, e subito gli apparve il diavolo.
I buoi, spaventati, si diedero a pazza corsa e precipitarono in una voragine improvvisamente apertasi davanti a loro. Il sig. Aurelio restò, non si sa per quanto tempo, come impietrito. Quando si riebbe dallo spavento, si trovo mosteriosamente lontano dal Monte dell'Oro e cioè dove ora sorge la chiesa del Garofalo.

Tremante e pallido come un cero, il sig. Aurelio andò a casa ove raccontò l'accaduto.
Il giorno dopo, con altri amici, ritornò sul Monte dell'Oro per indicare il posto del tesoro e per fare la ricerca dei buoi e del carro; ma non trovò nessuna traccia nè del tesoro nè dei buoi.

Allora il sig. Aurelio, attribuendo la sua salvezza alla  dalle mani del diavolo alla protezione della Beata Vergine, per ringraziarla, con le poche monete prese al momento della scoperta del tesoro, fece costruire un piccolo oratorio dedicandolo alla Madonna.

Così avrebbe avuto origine l'Oratorio che poi si chiamò "del Garofalo"

 
Torna ai contenuti | Torna al menu